Il giardino di Romeo 

Quel Giardino di Romeo che di Romeo non è mai stato è ancora una volta il protagnista di un commento di Alfredo Romeo affidato alle pagine di La Repubblica di Napoli il 30 agosto di quest’anno.

Un commento che vuole essere una risposta al bilancio della stagione balneare esposta nell’articolo di Alessio Gemma pubblicato sempre su La Repubblica il 29 agosto, appena un giorno prima.

E si, perché quando si parla, come nell’articolo, del tratto di spiaggia che va da Posillipo a Marechiaro e soprattutto se viene citato l’ex giardino di Romeo, all’imprenditore napoletano si riapre una ferita mai rimarginata.

In questo commento le righe traspare tanta amarezza mentre spiega, ancora una volta che “Quel giardino non era mio, era di tutti e non solo perché insisteva su un’area parzialmente demaniale, ma perché era effettivamente fruibile da chiunque volesse entrarci”.

Alfredo Romeo ha creato quel giardino, ne ha avuto cura per anni e lo ha sempre ritenuto un bene comune senza avanzare mai nessuna pretesa di appropriazione.

Era un’oasi di verde, quel giardino di Romeo di cui Posillipo poteva andare orgogliosa, era di tutti, lo ribadisce da sempre ad ancora una volta: era bello e “la bellezza è un dono e non una proprietà”.

 

art.la repubblica

Pin It on Pinterest

Shares
Share This